Fisco: Persone Fisiche


1. Deduzione dal reddito sino al 10% del reddito dichiarato e sino ad un massimo di euro 70.000,00

Per le erogazioni effettuate a decorrere dal 17/03/2005, a seguito dell’emanazione del Decreto Legge n. 35 del 14 marzo 2005, successivamente convertito in Legge n. 80 del 14 maggio 2005, in alternativa alla precedente detrazione del 19% è possibile optare per la deduzione dal reddito imponibile. Pertanto è il reddito dichiarato che viene diminuito dell’erogazione effettuata a favore della O.N.L.U.S. ed il beneficio fiscale varia con il variare del reddito stesso.

Reddito dichiaratoBeneficio Fiscale
sino a 26.000,00€ 23% dell'erogazione
da 26.000,01 € a 33.500,00€ 33% dell'erogazione
da 33.500,01 € a 100.000,00€ 39% dell'erogazione
oltre 100.000,01 €43% dell'erogazione

Ai sensi dell'articolo 14 del del Decreto Legge n. 35 del 14 marzo 2005, successivamente convertito in Legge n. 80 del 14 maggio 2005, la somma ammessa in deduzione dal reddito complessivo del soggetto erogatore è nel limite del 10 % del reddito dichiarato, e comunque nella misura massima di euro 70.000,00 annui.

Ciò significa che una Persona Fisica il cui reddito è pari ad esempio ad euro 28.450,00 può dedurre dal proprio reddito euro 2.845,00 (10% del reddito dichiarato), mentre chi è possessore di un reddito di euro 800.000,00 può dedurre sino ad un massimo di euro 70.000,00.

2. Detrazione dall'IRPEF pari al 19% delle erogazioni in denaro fino a euro 2.065,83

Le erogazioni liberali (art.13 D.Lgs. 460/97), effettuate dal 1° gennaio 1998, entro il limite annuo di euro 2.065,83 possono essere dichiarate sul MODELLO UNICO (ex 740) o MODELLO 730 come oneri detraibili e pertanto può essere recuperata una imposta pari al 19% del contributo erogato.

La detrazione è consentita a condizione che il versamento di tali erogazioni o contributi sia eseguito tramite Banca (bonifico bancario) o Ufficio Postale (versamento in c/c/p o vaglia postale) o secondo altri sistemi di pagamento previsti dall'art. 23 del D.L. 241/97. Non è possibile detrarre il contributo in contanti , anche se viene rilasciata una ricevuta dall'Ente, in quanto l'Amministrazione Finanziaria non ha ancora emanato un decreto, previsto dall'art. 13, per riconoscere ulteriori modalità idonee.

E' obbligo di colui che effettua l'erogazione, e che porta tale somma come onere detraibile sulla dichiarazione dei redditi, conservare la ricevuta del versamento in quanto, non essendovi l'obbligo di allegare la stessa alla dichiarazione, può essere successivamente richiesta dall'Amministrazione Finanziaria a verifica degli oneri detraibili dichiarati.